Carceri, Uspp: Polizia penitenziaria allo stremo

Moretti (presidente): E' stato d'emergenza (DIRE - Notiziario settimanale Psicologia) Roma, 15 set. - "È ormai diventato un bollettino di guerra l'elenco delle aggressioni giornaliere in danno della Polizia Penitenziaria che ci chiediamo cosa aspetti il Premier Giuseppe Conte e il suo Governo a dichiarare lo stato d'emergenza delle carceri?". E' l'amaro quesito del Presidente dell'Unione Sindacati di Polizia Penitenziaria (USPP) Giuseppe Moretti di fronte ai continui episodi violenti e addirittura i nuovi impulsi di rivolta che si verificano nelle carceri come l'ultimo evento accaduto nel carcere di Benevento, che ha visto feriti 5 agenti di cui uno gravemente per le criminali azioni di alcuni detenuti extracomunitari. "Mentre troviamo risibile l'annuncio del Sottosegretario alla Giustizia Ferraresi" prosegue Moretti "il quale annuncia come un successo l'incremento di 10 unita' nel carcere di Foggia, da dove evasero oltre 70 detenuti nel corso delle rivolte di marzo, un numero che non e' neanche una goccia nel mare oceanico della endemica carenza organica di tutti gli istituti penitenziari certificata da uno studio del D.A.P. che testimonia quanto sia pregiudicato il complesso lavoro assegnato agli agenti di Polizia Penitenziaria a causa della carenza di oltre 18 mila agenti in meno (37.000 in servizio su 55.000 che ne occorrerebbero), rinnoviamo la nostra richiesta a Conte e al Governo di mettere in campo provvedimenti e risorse straordinarie per mettere in sicurezza il lavoro della polizia Penitenziaria oggi allo stremo perche' fortemente esposta a rischi per la propria incolumita' psicofisica (come finalmente anche ammesso dal Garante Nazionale dei Detenuti) e abbandonata da un Ministro della Giustizia silente di fronte alla deriva che si registra nella sicurezza e la legalita' nelle carceri". Per il Presidenre USPP "non si possono piu' rinviare provvedimenti sia in direzione del ripristino dell'ordine, delle regole e piu' in generale della sicurezza delle carceri (ad esempio intervenendo con norme sanzionatorie per l'introduzione e il possesso di cellulari in carcere), ma anche in relazione alle problematiche determinate dalla popolazione detenuta con problemi psichiatrici, fonte di continui eventi critici (aggressioni, tentativi di suicidio, rivolte, ecc.) e, non per ultimo per salvaguardare gli agenti dall'esposizione sanitaria, in particolare dal rischio contagio COVID-19. Nonostante il pericolo incombente in questa nuova parte dell'anno, che vede inspiegabilmente anche un allentamento dei controlli triage degli accessi in alcune regioni come il Triveneto, si sono registrati nuovi casi di positivita' al virus sia tra le fila degli agenti che tra i detenuti. Cio' a prescindere da un atteso incontro con il vertice dipartimentale, preannunciato dal Capo DAP Bernardo Petralia". L'USPP e' pronta a scendere nuovamente in piazza visto l'assoluta inadeguatezza del Ministro Della Giustizia Alfonso Bonafede di cui l'organizzazione USPP, tra le piu' rappresentative della propria categoria, ha gia' chiesto pubblicamente le dimissioni.


Copyright © 2018 USPP - Cod. Fisc. 097393780586 Sede Nazionale - Via Crescenzio, 19 - int. 4 - 00193 Roma - Tel 06 01907734 - Mobile +39 3428095479 - Fax 06 01907730